Salta il menù di navigazione

Contenuto pagina

Aggiornamenti Linee guida di Regione Lombardia per lo svolgimento dei servizi a supporto dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilità sensoriale.

Aggiornamenti Linee guida di Regione Lombardia per lo svolgimento dei servizi a supporto dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilità sensoriale.

Anno scolastico 2019-2020.

in data 27 maggio, la Giunta Regionale ha adottato la deliberazione XI/1682 che,

sostanzialmente, aggiorna il testo delle «Linee guida per lo svolgimento dei servizi di inclusione scolastica per gli studenti con disabilità sensoriale, in relazione a ogni grado di istruzione e alla formazione professionale».

L’impianto delle Linee Guida rimane sostanzialmente immutato, con alcune migliorie che, a nostro giudizio, sono importanti e vanno nella direzione di offrire un servizio sempre più rispondente alle necessità dei singoli studenti e delle loro famiglie.

Di seguito, andiamo ad elencare quelle che sono le

principali novità, dando per inteso che gli altri aspetti rimangono pressoché invariati rispetto al precedente anno scolastico:

- viene meglio precisato il concetto di pluridisabilità, ovverosia «doppia disabilità sensoriale o

copresenza di una disabilità sensoriale con altra tipologia di disabilità»;

- viene meglio precisato il concetto di assistenza a domicilio, ovverosia «l’attività svolta al

domicilio è finalizzata ad accompagnare l’alunno/studente nelle attività di apprendimento

scolastico didattiche, pertanto non sono ammissibili altre e diverse attività. In tal senso,

contesti diversi dall’abitazione della famiglia sono da circoscrivere a particolari situazioni che

rendono inopportuno il domicilio per svolgere le attività didattiche, che devono essere

comunque realizzate in contesti adeguati (es. biblioteca o luoghi similari)»;

- agli studenti che, al termine dell’anno scolastico, sostengono l’esame di Stato dei percorsi di

istruzione o l’esame di qualifica o diploma dei percorsi ordinamentali di istruzione e

formazione professionale, può essere riconosciuto un monte ore aggiuntivo per un massimo

rispettivamente di 15 ore nel caso dell’assistente alla comunicazione e di 4 ore nel caso del tiflologo/tifloinformatico (fermo restando il rispetto del tetto massimo del piano individuale);

- il massimale del piano individuale standard passa da 5.800,00 a 6.300,00 euro;

- il contributo che viene riconosciuto all’Ente erogatore per garantire le necessarie azioni relative all’attuazione del Piano Individuale (incontri con la scuola, con gli specialisti, con la

famiglia, predisposizione di specifico materiale), anche attraverso l’individuazione di una figura professionale responsabile del Piano stesso, passa da 150,00 a 200,00 euro per ciascun

Piano (erogabile una sola volta).

- La DGR XI/1682, infine, prevede l’ampliamento dei servizi anche agli asili nido e, in particolare, «di sperimentare, secondo modalità da definire successivamente all’approvazione della presente deliberazione, un modello di offerta adeguato alla fascia di età tra 0 e 36 mesi, che garantisca ai

più piccoli precoci interventi e adeguate stimolazioni sensoriali al fine di creare un modello di intervento che faciliti l’inserimento dei bambini nei successivi percorsi educativi e formativi».

In questi giorni dovrebbe avviarsi un tavolo tecnico per definire le modalità e le procedure della sperimentazione che, conseguentemente, dovrebbe partire con il prossimo anno scolastico.

Il Presidente UIci Lombardia

Nicola Stilla.