Salta il menù di navigazione

Contenuto pagina

CORTE DI CASSAZIONE: LEGITTIMO IL LICENZIAMENTO DEL DIPENDENTE CHE ABUSA DEI PERMESSI DELLA LEGGE 104.

CORTE DI CASSAZIONE: LEGITTIMO IL LICENZIAMENTO DEL DIPENDENTE CHE ABUSA DEI PERMESSI DELLA LEGGE 104.

con la sentenza 18411/19 la Corte di Cassazione, confermando la decisione assunta dal Tribunale di Bologna in primo grado e dalla Corte d’appello della medesima sede in secondo grado, ha dichiarato legittimo il licenziamento di un dipendente per via dell’utilizzo improprio da parte dello stesso di 2 permessi concessi ai sensi dell’art. 33, comma 3° della Legge 104/1992.

La suprema Corte ha ritenuto legittima l’attività di sorveglianza posta in essere dal datore di lavoro, ritenendo raggiunta la prova dei 2 abusi dei permessi concessi ex Legge 104/1992 valutando la relazione dell’agenzia investigativa incaricata dal datore di lavoro confermata poi in sede di prova testimoniale.

Quanto accaduto non introduce novità rispetto all’interpretazione della norma, ma conferma che il livello di attenzione sugli abusi che si verificano è comunque alto.

In sezione è disponibile il testo della sentenza in oggetto, che gli iscritti alla nostra newsletter hanno ricevuto nella propria casella di posta elettronica.